Le città e la memoria - concerto Marco Cattani group e Gabriele Mirabassi

Offre fotografie dei posti, raccoglie webcam e informazioni, segnala sagre feste ed eventi regionali

Le città e la memoria - concerto Marco Cattani group e Gabriele Mirabassi
Lucca (LU), Toscana, Italia
dal 20/06/2010 al 20/06/2010
Ufficio Stampa Anna Benedetto Tel:347.40.22.986 - anna.benedetto.lucca@gmail.com

www.myspace.com/festadellamusicalucca
Cartina, mappa e stradario del Comune di Lucca (LU)

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA
Il Marco Cattani Group e Gabriele Mirabassi
per la serata clou della Festa Europea della Musica di Lucca

Domenica 20 giugno in piazza Anfiteatro ad ingresso libero (in caso di pioggia il concerto si tiene nell’Oratorio di S. Giuseppe in piazza S. Martino)

Domenica 20 giugno 2010 il Marco Cattani Group presenta “Le città e la Memoria”, ospite Gabriele Mirabassi, uno dei massimi virtuosi del clarinetto a livello internazionale.
È questa la serata clou della VI edizione della Festa Europea della Musica di Lucca, organizzata dall’associazione “La Compagnia delle Arti”, riconosciuta ufficialmente dal coordinamento francese e dall’Associazione Italiana per la promozione della Festa Europea della Musica, e vede il sostegno del Comune di Lucca, della Provincia di Lucca, della Fondazione Banca del Monte di Lucca, il patrocinio del Mibac e della Regione Toscana e si svolge sotto l’egida degli enti francesi e italiani che coordinano questa manifestazione europea nata nel 1997.

Il concerto, rigorosamente ad ingresso libero come vuole la filosofia di questa manifestazione, ha inizio alle 21,30, ed in caso di pioggia si terrà nell’Oratorio di San Giuseppe (in piazza San Martino, accanto alla Cattedrale). “Quest’anno ho voluto portare a Lucca – spiega il presidente dell’associazione Compagnia delle Arti, Marco Cattani – un grandissimo clarinettista, Gabriele Mirabassi con cui da musicista condivido l’amore per la musica brasiliana”. Mirabassi sarà ospite del progetto originale “Le città e la memoria”, ideato e scritto da Marco Cattani, musicista lucchese, ed ispirato al libro di Italo Calvino “Le città invisibili”; questo progetto esplora il tema della memoria attraverso un viaggio jazz nella narrazione musicale, incontrando città immaginarie come Zobeide e Leonia, ma anche reali come Viareggio, svelando memorie di qualcosa e di qualcuno. Questo percorso non attraversa solo i paesaggi immaginari di Calvino, ma vuole rendere omaggio alle tante memorie che contribuiscono a creare il presente; il brano “Al di là dal molo” è un omaggio che Cattani fa a Viareggio e la sua recente tragedia, e che è insieme un omaggio allo scrittore Mario Tobino.
Il concerto vedrà sul palco, insieme a Mirabassi al clarinetto, Marco Cattani alle chitarre, Stefano Rapezzi alle chitarre e voce, Michele Vannucci alla marimba, vibrafono, percussioni, Max Guerrero ai live elettronic, Pietro Bertilorenzi al basso elettrico, Andrea Pacini alle percussioni.
Gabriele Mirabassi è un musicista che si muove attraverso vari generi musicali, condividendo con l’autore Marco Cattani l’amore per la musica brasiliana; Marco Cattani, compositore, ha collaborato con Paolo Fresu, il percussionista Naco, lo scrittore Maurizio Maggiani, il musicista canadese Kenny Wheeler; dal 2008 produce ed arrangia spettacoli per la Festa Europea della Musica a Lucca. Ha all’attivo diversi album ed è docente di chitarra presso l’Indirizzo Musicale dell’Istituto Comprensivo di Seravezza (LU).
In caso di pioggia, questo concerto si terrà presso l'Oratorio San Giuseppe, accanto al Museo della Cattadreale, in piazza San Martino.

La Festa termina domani sera (lunedì 21 giugno) alle 21, sempre in piazza Anfiteatro ad ingresso gratuito: si esibiscono il “Jubilum jazz Chorus” e l’ensemble di musica moderna della scuola civica di musica di Castelnuovo di Garfagnana, ed a seguire gli Internos Quintet con Piero Gaddi al pianoforte, Fabrizio Desideri al sax, Marco Bartalini alla tromba, Nino Pellegrini al contrabbasso, Gian Paolo Pellicci alla batteria. La musica di questo ensemble ha radici nell’improvvisazione jazz ma si ispira anche alle culture popolari del bacino del Mediterraneo e dell’America Latina, subendo forti contaminazioni.

Info sul sito www.myspace.com/festadellamusicalucca

Marco Cattani - biografia
Diplomato in chitarra, composizione e arrangiamento jazz, didattica musicale, nel 1995 ha collaborato con Paolo Fresu ed il percussionista Naco alla realizzazione del cd “Naufragi” in veste di chitarrista, arrangiatore e produttore. Nel 2001 realizza il cd di musica e poesie “Sorvoli” e nel 2002 scrive le musiche per la performance d’arte contemporanea “L’albero wak-wak”, commissionata da Artedove. Nel 2004 produce come arrangiatore e chitarrista lo spettacolo “L’albero dell’emigrazione – Trenta giorni di nave a vapore”, per la Provincia di Lucca e la Fondazione Paolo Cresci, con la partecipazione di Petra Magoni.
Nel 2005 produce come arrangiatore e chitarrista lo spettacolo “Il Canto del Mondo” in collaborazione con lo scrittore Maurizio Maggiani, con la partecipazione della cantante Karima. Nel 2006 realizza il cd di musiche originali “Ulula che hanno steso la luna”. Nel 2008 ha suonato con il musicista canadese Kenny Wheeler al Festival di Barga Jazz, proponendo un brano dello stesso musicista in prima mondiale. Dal 2008 produce e arrangia spettacoli per la Festa Europea della Musica a Lucca, di cui è il promotore sin dal 2005, con “Cosa c’è intorno a Puccini” e “Nino Rota e la Luna” di Bruno Tommaso. Nel 2009 si dedica alla composizione del cd “Le città e la memoria”, ispirato al libro di Italo Calvino “Le città invisibili”. È docente di chitarra presso l’Indirizzo Musicale dell’Istituto Comprensivo di Seravezza (LU).

Gabriele Mirabassi - biografia
È uno dei massimi virtuosi odierni del clarinetto a livello internazionale. Dopo il diploma, conseguito col massimo dei voti e lode, la sua formazione musicale per i primi anni ha riguardato le tecniche esecutive peculiari della musica contemporanea.
Parallelamente ha cominciato a lavorare professionalmente in ambito jazzistico, attività che, a partire dall'incisione di Coloriage (1991), in duo col fisarmonicista Richard Galliano, è diventata mano a mano sempre più consistente fino a diventare esclusiva. In duo con Stefano Battaglia incide Fiabe, con Sergio Assad Velho Retrato e firma Cambaluc, dove il quartetto di clarinetti namaste è affiancato da vari ospiti tra i quali lo stesso Galliano, Riccardo Tesi e il fratello Giovanni.
Nel 1996 vince il Top Jazz nella categoria "miglior nuovo talento". Nel 2000 a "Umbria Jazz” presenta insieme a Luciano Biondini, Michel Godard e Francesco D'Auria il progetto Lo Stortino che riceve consensi di critica e di pubblico sia in Italia che all'estero. Nel progetto si rileva una particolare attenzione alle variegate architetture compositive che attingono soprattutto alla tradizione popolare e alla musica colta europea, ponendo le basi per quella linea di ricerca che animerà gran parte dei lavori che seguiranno. Tra i dischi successivi si segnalano 1 a 0 (Egea), lavoro incentrato sullo choro brasiliano, Latakia Blend con Luciano Biondini e Michel Godard (Enja), Fuori le mura (Egea) in duo con Luciano Biondini e New Old Age, con John Taylor e Steve Swallow.
Ai primi di ottobre 2003 Gabriele Mirabassi e Guinga, straordinario chitarrista, compositore e cantante brasiliano, hanno inciso il loro primo disco in duo,”Graffiando vento”, presentato in occasione di Umbria Jazz Summer 2004 e definito nello stesso anno dalla Folha de Sao Paulo “migliore disco di musica strumentale brasiliana dell’anno”.
Le collaborazioni sono numerosissime, ed estremamente eterogenee sul piano degli stili e dei linguaggi, molte sono documentate discograficamente (Rabih Abou Khalil, Mina, John Cage, Ivano Fossati, Battista Lena, Riccardo Zegna, Enrico Pieranunzi, Roberto Gatto, Cristina Zavalloni, Trio madeira-brasil, Istituzione Sinfonica Abruzzese, Marco Paolini, Mario Brunello, Orchestra d’archi italiana),solo per citarne alcune.
Negli ultimi anni Mirabassi ha ampliato notevolmente il suo panorama di collaborazioni, sapendo allargarsi con coraggio ad altri ambiti di spettacolo: oltre alla, ormai stabile collaborazione con Gianmaria Testa, ricordiamo quella con lo scrittore Erri De Luca (insieme al quale ha dato vita allo spettacolo “Chisciotte e gli invincibili”), quella con la cantante Barbara Casini e Monica Demuru (in trio, hanno realizzato lo spettacolo/concerto, a metà tra musica e teatro, “Costruzione”, dedicato alla figura di Chico Buarque). L'ultima fatica è "Canto di ebano", uscito a marzo 2008, nuovamente con la storica etichetta Egea, omaggio allo straordinario legno africano e alle appassionate mani (italiane) che lo trasformano in clarinetto.

Foto di Laura Casotti